ImPRove: un invito, europeo, a proporre le vostre iniziative socialmente innovative!

Oggi vi presentiamo un’opportunità per le tante esperienze della cooperazione sociale italiana che, da anni, portano avanti progetti di inclusione sociale, contribuendo a costruire un nuovo welfare.

imrove.250Si tratta del progetto di ricerca europeo ImPRove, che sta selezionando in tutta Europa 30 casi studio di azioni e progetti di innovazione sociale per il contrasto della povertà. C’è tempo fino al 25 ottobre per sottoporre la propria candidatura. I casi selezionati saranno oggetto di studio da parte del team di ricerca italiano, che fa capo all’Università di Urbino, e avranno un’occasione di visibilità a livello europeo.

Il progetto parte dalla constatazione della persistenza della povertà nel contesto europeo e dell’emergere di pratiche e politiche locali che offrono nuove strategie per affrontarla e contrastarla, sperimentando modalità innovative a livello locale o regionale.

Improve-Urbino-May-2013-025hp-940x300

Ma vediamo, più nel dettaglio, di che cosa si tratta.

Il progetto affronta il tema dell’innovazione sociale come strategia per affrontare e contrastare la povertà e l’esclusione sociale. In breve, saranno considerate innovative, le azioni, esperienze, pratiche di innovazione sociale che rispondono ai seguenti criteri:

  1. agiscono “diversamente”, adottando nuove (per lo meno nel proprio specifico contesto) modalità, procedure, metodi o strumenti;
  2. sono realizzate da organizzazioni della società civile, imprese sociali o amministrazioni locali;
  3. emergono “dal basso”, dunque a cura di attori ed in contesti prossimi alla quotidianità ed alle esperienze dei cittadini in condizioni di povertà ed esclusione sociale, ma allo stesso tempo sono in grado di costruire legami con le istituzioni, anche oltre il livello locale.

Saranno oggetto di studio progetti che affrontano le seguenti tematiche:

  • disoccupazione e attivazione
  • istruzione/educazione e minoranze (educativa di strada, ecc.)
  • social housing (inclusione abitativa fasce deboli)

Potete supportare il progetto, rispondendo a queste domande via e‐mail ai contatti qui sotto.

  1. Qual è il titolo dell’iniziativa?
  2. Qual è l’organizzazione o da quali organizzazioni è composta la ‘rete’ che la realizza?
  3. Chi è la/il referente‐chiave da contattare per conoscerla (aggiungere telefonici o email)?
  4. In quale territorio è collocata l’iniziativa o dove ha preso avvio (Paese/Regione/Comune)?
  5. Perché può essere ritenuta un caso interessante di innovazione sociale?
  6. Quali sono state le sfide principali che ha dovuto affrontare finora?
  7. Quali sono le sfide da affrontare per consolidare l’iniziativa nel tempo?

Le vostre risposte amplieranno la visione sulle strategie di innovazione sociale a contrasto della povertà in Europa e su quali sono le sfide per gli attori che vi sono impegnati. 

Incoraggiamo, pertanto, imprenditori sociali, organizzazioni della società civile più creative, professionisti impegnati nel sociale ed i responsabili politici a condividere le proprie esperienze di casi di innovazione sociale realizzati nel proprio territorio, che ritengono più interessanti, riusciti o controversi.

Contatti
Invio delle risposte
Dr. Tatiana Saruis, tatiana.saruis@gmail.com
Responsabile italiano del progetto
Prof. Yuri Kazepov, yuri.kazepov@uniurb.it

email